Mezzi attivi

Mezzi attivi

I mezzi attivi o masse attive sono materiali adsorbenti, resine a scambio ionico e sostanze chimicamente attive che rimuovono le sostanze disciolte in acqua per mezzo di interazioni chimiche, interazioni tra cariche ioniche e altre attività chimico-fisiche. Il mezzo attivo, di solito in polvere o granuli e contenuto in cartucce, può venire utilizzato per rimuovere sostanze che influiscono sulle proprietà organolettiche dell’acqua (cloro e organi clorurati), oppure impiegato, come resina a scambio ionico, per l’addolcimento dell’acqua, cioè la riduzione della durezza e quindi della quantità di ioni calcio e magnesio.

Nelle apparecchiature per filtrazione con mezzi attivi è importante il controllo dei parametri microbiologici perché è possibile una proliferazione batterica; perciò in molte apparecchiature vi è associata un’azione antibatterica che generalmente viene effettuata tramite sali d’argento, UV (disinfestazione continua), oppure tramite un lavaggio con agenti chimici (disinfestazione periodica). Da sottolineare il fatto che l’esigenza di una sanificazione non vi è solo per quanto riguarda i mezzi attivi, ma ogni qualvolta vi sia ristagno d’acqua.

Resine a scambio ionico

Lo scambio ionico è un processo chimico fisico reversibile attraverso il quale uno ione legato ad una resina viene scambiato con un altro ione della fase liquida. Esistono due tipi di resine, a scambio cationico ed a scambio anionico: le prime sono largamente utilizzate per l’addolcimento, dato che sostituiscono gli ioni calcio e magnesio con lo ione sodio; le seconde sono utilizzate per rimuovere ioni negativi, come lo ione nitrato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *